Ritorno al Rimani

Giovedì ancora un appuntamento a Pavia, nel locale Rimani in riva al Ticino, per una serata marchiata DQ Milano.

Ma partiamo dall’inizio: smetto di lavorare alle 17.30 ed il dubbio amletico è se correre a casa, iniziare a prepararmi e rischiare di far tardi o rinfrescarmi un attimo e prepararmi al parcheggio.

Fatti due conti, opto per la seconda soluzione, che mi permette di risparmiare più di un’ora.

Il look della serata l’ho scelto ieri sera, però ho ancora un dubbio: farà freddo o caldo? La magliettina trasparente mi farà prendere freddo od è meglio mettere sotto la termica maniche lunghe?

Alla fine rimedio con la sola maglietta e la giacchetta nera; venti gradi alle 17.30, cambio al parcheggio due, posto occupato, mi metto in una zona vicino alla strada, calze, mutande, gonna e scarpe, ma poi mi sposto un po’ più indietro per il trucco.

Mi guardo in giro per evitare occhi indiscreti e via maglia e canottiera, su reggiseno, allacciato veloce e mogliettina sopra.
Poi via di trucco, con calma perché sono in anticipo. Calco un po’ la mano con la matita nera, soprattutto sotto le palpebre e sotto l’occhio.
Ultima rifinitura, dopo aver allacciato le cinture della macchina, lo smalto nero, in due passaggi.


Parto e verso le 20.05 arrivo sulla via principale che porta al ponte vecchio di Pavia; mi sistemo, foto e video e scendendo dall’auto, attraverso la strada (si ferma una macchina per farmi passare) e giù per la scalinata per entrare al Rimani.
Chiedo del tavolo di radio Uau, ancora una volta sono la prima ad arrivare; dopo qualche minuto ordino una birra e mi guardo un po’ in giro ad osservare chi entra e si siede.
Una decina di minuti ed arriva la Cri, saluti e poi a mano a mano tutti gli altri; anche questa volta il locale è pieno.


Ordiniamo, e questa volta vado di pizza, con gorgonzola e noci.
Verso le 21.15 inizia lo spettacolo: ad aprire la serata c’è Jasmine Jhons, che presenta La Cesira, tornata ieri sera da qualche giorno di vacanze in terra di Spagna.
Come sempre, per rompere il ghiaccio, La Cesira scherza con i commensali, prendendo di mira, scherzosamente, gruppi di donne single (ma gli uomini dove stanno?) e coppie.

Poi Jasmine e La Cesira si rivolgono a me facendomi i complimenti (tanto da far scattare un applauso), per mia fortuna, il fondotinta ha nascosto la faccia che sarebbe diventata rossa come un peperone.
Non sono una che se la tira, anzi a volte vorrei essere quasi invisibile, ma queste cose mi danno un’energia ed una forza tale che non potete neanche immaginare.

Tra un intervento e un altro de La Cesira, Jasmine si esibisce con le sue super  performance, con trucco ed abiti spettacolari, con brani di Anna Tatangelo “brasiliana”, Beyonce e l’elettrizzante “I Will Survive”

Alla fine la Cesira canta “Una lunga storia d’amore di Gino Paoli; c’è lo spazio per le ultime battute e dopo il caffè, tutte in piedi pronte per le foto ricordo.

Dopo una foto con le due artiste, mi metto i panni di fotografa per la Alessia e per la Paola.

Mentre la sala si va svuotando, Jasmine mi invita fuori per chiacchierare un attimo.

Giunta fuori, mi prende sotto braccio e sembra non volermi mollare più: parliamo un po’, gli racconto grosso modo la mia vita incasinata, poi le faccio un book fotografico ed infine rientro, per salutare la Cri ed andarmene.
Prima però vado a salutare Massimiliano Militello, mente del DQ Milano che mi dice:”se vuoi puoi entrare” (inteso nel camerino).
E così sto li a meno di due metri dalla Cesira e dalla Jasmine, imbambolata a guardarle mentre si cambiano e riempiono le valigie.
Mi sembra di fare da terza incomoda, cerco di farmi piccola piccola, però è troppo bello.
È quasi mezzanotte ed i camerieri stanno già pulendo la sala e mi accorgo che alla fine siamo rimasti quasi solo noi.
Ringrazio di cuore Max, La Cesira e Jasmine e una volta fuori, mi incammino su per le scale e poi in macchina per il video conclusivo della serata.
Un’ora di macchina e poi in zona cambio; questa volta mi strucco anche, domani mattina si torna al lavoro, però che belle queste serate per vivacizzare la settimana.